Inter-Juve il duello: chi è più avanti per prendere Chiesa

È già sfida Inter-Juve sul fronte calciomercato. Il duello serrato per prendere Federico Chiesa. Chi è più avanti? La situazione.

Il campionato è appena iniziato, ma certe sfide affascinano a prescindere i tifosi. In attesa di essere giocata sul campo, Inter-Juve infiamma le giornate sul fronte calciomercato. Come sappiamo, questo fronte non va mai in archivio totalmente. Le squadre, soprattutto quelle grandi, sono sempre e costantemente alla ricerca di elementi per puntellare le rispettive rose, almeno nelle intenzioni. L’oggetto della contesa, da questo punto di vista, si chiama Federico Chiesa.

Se lascia la Fiorentina dove va Federico Chiesa? Inter e Juve sullo sfondo. Chi la spunterebbe?

È Tuttosport stamane a rilanciare attraverso le sue pagine questa bomba di calciomercato riguardante l’addio alla Fiorentina di Federico Chiesa. Un talento ancora tutto da sbocciare del calcio italiano, ma non solo. Per quanto riguarda i bianconeri, l’affare Bernardeschi e quello più recente di Pjaca dimostrano che, tutto sommato, qualche compromesso con la dirigenza viola lo si può trovare.

Tanto è vero che la Juve sarebbe addirittura disposta a sacrificare Dybala pur di arrivare al gioiello viola, sempre stando a quanto si legge. La sfida con l’Inter è aperta sotto questo punto di vista. Mister Luciano Spalletti stravede per questo giocatore e non gli dispiacerebbe affatto averlo nella propria squadra, anzi. Ma qualche sacrificio, nella fattispecie, sarebbe necessario.

Il prescelto potrebbe essere Ivan Perisic, che tra un paio supererà la soglia dei 30 anni. Di certo, Chiesa ne rappresenterebbe il sostituto ideale per impostazione sul campo, rapidità e velocità di esecuzione. Suning ci proverà? Inter-Juve è già iniziata. Non ancora sul campo, ma fuori. Chiesa nel mirino. Duello entusiasmante, o quasi, allo stesso modo.

Tifi Inter? Seguici su Twitch!

Nazionale nel caos! In campo ci vanno i giocatori di…calcetto

L’Inter pensa al dopo-Handanovic: gli eredi designati sul mercato