Serie A

Milan | Parla Scaroni: “Puntiamo alla Champions! Ecco come”

Parla il Presidente del Milan, Paolo Scaroni: ” L’obbiettivo è aumentare il fatturato. La Champions è il calcio”

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il presidente dei rossoneri, Paolo Scaroni, fa il punto sugli obbietti del nuovo Milan targato Elliot. L’era cinese della squadra rossonera è durata un solo anno, per fortuna a detta di molti milanisti. Sulle ceneri della gestione Fassone-Mirabelli, il fondo Elliot ha preso per mano la situazione, mettendo tutti i tasselli al posto giusto per permettere al Milan di avere un futuro roseo.

Alla presidenza della società è subentrato Paolo Scaroni, il quale sembra avere le idee chiare su come debba muoversi il club per tornare in alto. Ecco le sue parole – rilasciate alla Gazzetta dello Sport – sugli obbietti del nuovo Milan. “Il fondo Elliot ha un progetto di 3-5 anni. Certo vincere lo scudetto sarebbe bellissimo ma ormai il calcio è la Champions.Per noi è importantissimo tornarci ma ci tengo a precisare che nei piani presentati alla Uefa abbiamo parlato di Europa League.”

Priorità al fatturato

Il primo passo per tornare competitivi è avere dei conti in linea con i top club europei. Le parole di Scaroni sull’argomento. “Il Milan nel 2003 fatturava 200/210 milioni circa, oggi la cifra è sempre la stessa. In questi anni squadre come United,City e Real hanno quadruplicato i loro fatturati. Bisogna migliorare questo punto cruciale.”

Parleremo con la Uefa

A breve i rossoneri dovranno sedersi al tavolo delle trattative con la Uefa, per discutere un piano di rientro. Ecco cosa pensa a riguardo il nuovo presidente del Milan. ” Sicuramente avremo una sanzione e dovremo essere credibili nei piani dei prossimi anni. In passato è stato detto e scritto di incassi da 150 milioni dalla Cina e che le cose sarebbero andate alla grande. Ecco è chiaro che non saremmo credibili dicendo cose simili. Credo comunque che il cambio di proprietà renderà più flessibile la Uefa.”

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close