Serie AVetrina

Serie A nel caos: il dirigente scatena un pandemonio sul Var

Altra giornata caratterizzata da nuove polemiche sul Var, dopo Inter-Parma di ieri, oggi un altro grave errore e il dirigente ha attaccato in diretta tv

Non c’è pace in questo inizio di serie A per l’utilizzo del Var. Il protocollo cambiato, con più poteri conferiti agli arbitri e Var reso quasi nullo. Tanti errori nelle prime quattro giornate di campionato, due clamorosi in questa giornata che ancora deve concludersi.

In Inter-Parma, clamoroso rigore non dato ai nerazzurri per un netto fallo di mano di Dimarco sulla linea di porta, che si aggiunge ad altri episodi non sanzionati con il cartellino rosso. Oggi, in Udinese-Torino, un clamoroso gol regolare annullato ai granata sul punteggio di 0-0.

L’attacco di Petrachi

Al termine del match tra Udinese e Torino, ai microfoni di Sky Sport ha parlato il ds granata Petrachi. Il dirigente del Torino ha attaccato per il grave errore commesso contro i granata. Ecco le sue parole: “Vorrei parlare della partita, ma se parti pronti via con un gol annullato, un gol del genere che penalizza tutti quanti noi, dispiace. Vorrei capire cosa bisogna fare. Cosa teniamo a fare il Var se poi in una cosa così importante (gol regolare annullato al Torino, ndr) l’arbitro, mentre sta entrando la palla in porta, mi fischia. Per quale motivo mi deve fischiare, aspetta che la palla entri in porta e poi, il guardalinee che aveva la bandierina alzata, rivedranno l’azione al Var”.

Continua Petrachi: “Mentre la palla entra in porta, perchè devi fischiare? Per quale motivo? Se l’anno scorso è stato detto che l’azione deve finire. Abbiamo fatto 400 riunioni su questa cosa. E’ possibile commettere ancora gli stessi errori? Mi metto a ridere per non piangere. Non so più cosa pensare, abbiamo il Var e non lo utilizziamo davanti a errori così grossolani”.

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close