Serie A

(GdS) Berlusconi, che bordate al “suo” Milan: “Gattuso non può…”

Berlusoni contro il “suo” Milan

Il Milan è la sua creatura, lui l’ha resa una delle squadre più vincenti della storia del calcio, lui ha regalato ai tifosi campioni assoluti come Van Baster, Shevchenko e Kakà. Stiamo parlando di Silvio Berlusconi, lo storico presidente rossonero oggi impegnato nella sua nuova avventura alla guida del Monza, squadra militante in Serie C.

L’ex presidente è tornato a parlare del “suo” Milan e non l’ha fatto certo per dispensare carezze a destra e a manca, tutt’altro. Alla Gazzetta dello Sport ha infatti rilasciato parole dure, soprattutto nei confronti del tecnico milanista Rino Gattuso, che lui aveva portato in rossonero – come calciatore – ai tempi della sua presidenza.

Ecco le sue parole: «Dovrebbe giocare sempre con due punte. Higuain è un goleador, Cutrone un’ottima prima punta. Gonzalo dovrebbe avere accanto a sé un altro attaccante con Kakà (lapsus freudiano, voleva dire Suso, ndr) alle spalle». D’altra parte l’imprenditore e politico è sempre stato così, ha sempre dato le sue indicazioni agli allenatori che si avvicendavano alla guida del Milan, e sta continuando a farlo anche adesso che non può più imporre le sue convizioni. E questo un po’, forse, gli manca.

Ora c’è il Monza

Berlusconi ha spiegato alla Gazzetta dello Sport i motivi che l’hanno spinto ad acquistare il Monza e a tornare nel mondo del calcio: .«Quello che mi ha spinto a dire sì all’acquisto di questo club è stata l’idea di dare vita a un nuovo modo di essere giocatori e di giocare a calcio». Un modo fatto da capelli in ordine e totale assenza di tatuaggi.

Trovare calciatori con queste caratteristiche non sarà facile. E già con l’ultimo acquisto è stato fatto un importante strappo alla regola: Iocolano, ex Bari, ha capelli lunghi ricci ed è pieno di tatuaggi. Poco importa però se nel terreno di gioco dovesse fare il suo dovere.

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close