Serie A

Derby di Milano, tra esperienza, risultati e statistiche: ecco le curiosità

L’esperienza pesa, per non far tremare le gambe.

Derby tra Inter e Milan domenica si presenteranno con questi bagagli: abbiamo contato i derby giocati in carriera, considerando solo quelli «puri» (stessa città) e senza «modulare» le rivalità.

Fra i probabili titolari finisce 107-103, fra le rose 262-202.

Gli esperti nerazzurri

Il più esperto va in panchina: Joao Miranda ha cominciato i suoi «clasicos» a Curitiba, ci ha fatto l’abitudine a San Paolo, ha perso il conto a Madrid (non solo Real, ma anche Getafe e Rayo), perdendo però il più importante, la finale di Champions.

Al momento out anche Vecino, che in Uruguay si è fatto le ossa fra Central e Nacional sfidando le mille rivali della capitale, compreso il trittico Cerro, Cerrito e Bella Vista. Matteo Politano sarà l’unico esordiente assoluto in una stracittadina (con Dalbert, se dovesse entrare), Kwadwo Asamoah il solo a non sapere come ci si sente dopo una sconfitta.

Ne ha giocati 8, tutti contro il Toro, ne ha vinti 6 e pareggiati 2. Notevole anche lo score di Vrsaljko: 80% di vittorie, costruite fra Zagabria (Lokomotiva, Dinamo, Nk) e Madrid. Dodici su 15, ma col trucco: con l’Atletico non ha mai affrontato il Real.

A livello di gol gli interisti non sono messi bene: comandano Vecino e Icardi a 5, con Maurito che ne ha fatti 3 tutti insieme, lo scorso ottobre. Perisic è fermo a 1, ma prima del Meazza, aveva visto il derby solo a Bruges.

Gli esperti rossoneri

Quello di domenica sarà il suo primo derby della Madonnina, ma non chiamatelo deb: contro l’Inter Higuain ritirerà il gettone numero 37 in una stracittadina, dopo quelle giocate tra Argentina ed Europa in 13 anni di carriera.

Il Pipita comanda:tra i gattusiani è quello con più vittorie (il 66% delle gare giocate) e ovviamente quello con più gol (22), ma soprattutto non avverte l’emozione della prima.

Escluso l’esordio assoluto in un derby di Buenos Aires, un River-Velez del giugno 2005 in cui l’allora 17enne Gonzalo entrò dalla panchina senza riuscire a incidere perdendo 0-1, il Pipa ha rispettato le consegne negli altri debutti: un gol, il primo in maglia Real, nell’1-1 con l’Atletico nel 2007, doppietta al Torino nel 3-1 con la Juve del 2016.

Sul podio dei veterani ci sono due riserve, Reina e Laxalt, entrambi a quota 20 nonostante gli 11 anni di differenza sulla carta di identità: Laxalt ha giocato 14 sfide di Montevideo, decidendone pure una, contro il Nacional.

Quanto ai duelli milanesi, Abate domina con 14 gare: lui c’era quando il Milan vinceva i derby e pure lo scudetto. L’ultimo successo, in Coppa Italia, lo ha deciso Cutrone ai supplementari, mentre Donnarumma blindava la porta.

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close