Serie A

Inter, clamoroso retroscena su Rafinha: i dettagli

L’ex ds del Barcellona svela il motivo del mancato riscatto di Rafinha

Rafinha è stato uno dei protagonisti della qualificazione in Champions League della passata stagione. Nonostante le ottime prestazioni, il centrocampista classe 93, non è stato riscattato dall’Inter.

I nerazzurri avevano tempo fino al 30 giugno scorso per esercitare il diritto di riscatto fissato a 35 milioni. La dirigenza nerazzurra ha deciso di puntare la stessa cifra su Radja Naingolan. Rafinha, dopo l’infortunio di Messi e l’ottima prestazione, con il goal fatto ai nerazzurri in Champions League, ha scalato le gerarchie dei blaugrana. Ieri ha giocato dal primo minuto nel Clasico vinto per 5-1 dal Barcellona.

Il retroscena

L’ex direttore sportivo del Barcellona, Robert Fernandez, ha parlato di Rafinha ai microfoni di Radio Catalunya: “Lui è un buon giocatore, quando c’era Luis Enrique volevamo proteggere e abbiamo rinnovato, era molto contento, poi ha subito un grave infortunio. Non è un attaccante puro, è più un centrocampista o trequartista con gol che può trasformare la linea di centrocampo da tre a quattro quando c’è da difendere“. Poi l’ex ds conferma la volontà dell’Inter di riscattare il brasiliano: “L’Inter voleva esercitare l’opzione per l’acquisto dopo averlo voluto in prestito ma non aveva la disponibilità economica per farlo, per via del rispetto dei vincoli del Fair Play Finanziario”.

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close