Juventus, basta Ronaldo. Vittoria in Supercoppa

L’analisi del match

E’ sempre la solita Juve, quella cinica e spietata che sfrutta ogni piccola occasione e ti punisce. Certo, il divario tecnico era evidente però in gare secche come detto da mister Allegri, il gap tende a ridursi.

A dir la verità in molti ci hanno creduto e dopo un opaco 0-0 al termine della prima frazione, il secondo tempo si era aperto con quella traversa di Cutrone che grida ancora vendetta e che in quel momento della partita in caso di rete avrebbe cambiato le sorti del match.

La Juventus ha cercato durante di amministrare la situazione duranto l’arco dei novanta minuti e alla fine è riuscita a prevalere grazie al guizzo del suo cinque volte pallone d’oro che con la rete decisiva messa a segno, si prende tutte le copertine dei giornali e continua a vincere trofei su trofei.

L’alba del giorno dopo

Vinto il primo trofeo del 2019, alla Juventus non resta che continuare il proprio cammino. Obiettivo del presidente Agnelli e di tutta la dirigenza è quello di vincere tutto ma in realtà sono tutti coscienti che per eguagliare la mitica Inter del Triplete occorre vincere la coppa dalle grandi orecchie, un ossessione che quest’anno potrebbe diventare realtà.

Oltre a Cr7, premiato da tutti per la rete, è apparsa opaca la prestazione di Dybala mentre ottima è stata quella di Chiellini, decisivo in un paio di situazioni e bravo a tenere unita la squadra nel momento più difficile della squadra e cioè a inizio secondo tempo.

Mercato Milan. Spunta un nuovo nome per l’attacco

Milan, sconfitta e rimpianti in Supercoppa