I tifosi inglesi danno, nuovamente, una lezione a tutto il mondo

I tifosi inglesi negli stadi danno spesso lezioni di civiltà. Questa volta, però, la lezione viene data per strada.

Siamo in un periodo difficile. Nel mondo sempre più persone sono in difficoltà e la povertà, nonostante qualcuno sostenga di averla eliminata, aumenta esponenzialmente di anno in anno colpendo tutti: dalla Germania all’India. In Inghilterra, però, sta succedendo qualcosa di straordinario. Partendo dal calcio e dai tifosi che ogni settimana riempiono gli stadi. Un lungo editoriale uscito questa mattina sul New York Times racconta una realtà nuova, ma non troppo, in voga in questi anni in Inghilterra.

L’Inghilterra è sempre stata famosa nel mondo per il proprio sistema di welfare universale. Nel 2015, però, il governo decise di modificarlo e da quel momento in tutto il Regno Unito. La situazione è, da allora, peggiorata esponenzialmente. Tale che nell’ultimo anno è aumentata del 13% la domanda di “food banks”, luoghi dove chi non può permetterselo ha la possibilità di ricevere un pasto caldo. Due milioni di persone nel Regno Unito possono considerarsi a rischio alimentare in quanto facciano fatica a mangiare regolarmente e in modo sano, un’emergenza definita addirittura una calamità sociale secondo il rapporto delle Nazioni Unite su povertà e diritti umani nel mondo.

Le iniziative dei tifosi inglesi

Sin dal 2015 nel Regno Unito sono nate associazioni di tifosi con l’obiettivo di raccogliere donazioni e cibo da poter consegnare alle varie food bank sparse nelle città. La prima di queste iniziative è nata a Liverpool da Kelly, tifoso Everton, e Ian Byrne, tifoso Liverpool. “Alla prima gara in cui abbiamo raccolto cibo eravamo fuori dal Winslow Pub di fronte a Goodison Park (lo stadio dell’Everton) e le donazioni ci venivano date in un cestino. Ora abbiamo la logistica per trasportare il cibo e conservarlo in un magazzino. Tutto ciò che facciamo è sotto revisione contabile. E’ incredibile quanto siamo cresciuti.

Da questa iniziativa ne sono nate via via in ogni piccolo angolo d’Inghilterra fino a Newcastle dove la West End Food Bank, una delle più grandi di tutto il Regno Unito, viene aiutata dai magpies. 200 mila Sterline raccolte durante questa stagione dai tifosi. A Newcastle i tifosi, ormai, quando vanno allo stadio a vedere una partita fanno una tappa al supermercato per comprare cibo da donare a chi è meno fortunato di loro.

Atalanta-Juventus: le formazioni ufficiali. Allegri con i titolarissimi

Perisic Arsenal, l’indizio sul suo futuro arriva dall’Inghilterra