Juventus, non è tutto oro quello che luccica

L’analisi della sconfitta

Il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, alla vigilia dell’inizio del campionato, dichiarò che la Juventus avrebbe dovuto vincere tutto, cercando di coltivare il sogno Triplete. Era metà agosto e nel consueto appuntamento pre- campionato a Villar Perosa, il presidente dichiarò che i bianconeri avrebbero dovuto vincere tutto.

Ora però, in data 31 gennaio, alcune cose già iniziano a non tornare. Ci sarà da riflettere in casa Juventus, prima di non buttare via tutti i sacrifici economici fatti fino a questo momento. Ieri si è vista una squadra allo sbando, in balia degli avversari e con poche idee sopratutto a centrocampo.

Campanello d’allarme

Scatta quindi per la Juventus un campanello d’ allarme per comprendere cosa abbia portato a tutto ciò. Di certo, per quanto si abbiano avute già le prime ravvisaglie, si fatica a produrre gioco. Per molti ieri si è vista la vera Juventus di Massimiliano Allegri che senza colpi di fortuna o giocate del singolo, è poca roba.

Resta da capire se tutto ciò sia un enorme incidente di percorso oppure no, perchè nel caso in cui dovesse sfumare anche la Champions, la stagione risulterebbe fallimentare. Dal 20 febbraio si inizieranno ad avere le prime risposte con un Atletico Madrid che sarà difficile da colpire, visto e considerato il suo tipo di gioco tutta difesa e contropiede. Ai posteri l’ardua sentenza….

 

Juventus, notte da dimenticare: il Triplete resta un sogno

Inter al bivio Lazio: occorre vincere per ripartire