Inter, l’eliminazione in Coppa Italia pesa come un macigno

Inter, brutta sconfitta

Alla vigilia del match e prima del suo inizio, la dirigenza neroazzurra nella persona del direttore generale Beppe Marotta, aveva dichiarato che la Coppa Italia era un obiettivo che per il quale l’Inter avrebbe dovuto lottare, perchè sono troppi anni che l’Inter non riesce a sollevare un trofeo.

Forse, nessuno della dirigenza, si sarebbe aspettato una prestazione del tutto incolore e sopratutto allarmante da parte della squadra di Spalletti che a febbraio si ritrova fuori sia dalla Champions League e sia dalla Coppa Italia.

Se qualche mese fa conquistare il terzo posto non avrebbe creato nessun problema, ora per i neroazzurri le cose si iniziano a mettere male e domenica servirà vincere contro il Bologna per risollevare l’umore di tutto l’ambiente.

Per molti esonerare Spalletti potrà servire per dare una scossa all’ambiente ma è anche vero che ciò porterebbe ad aumentare l’incertezza. L’Inter ha bisogno di recuperare i vari Nainngolan, Perisic, Keita e De Vrij, sperando che al contempo qualche altro giocatore della squadra si risvegli.

Sono gli stessi giocatori che hanno dato filo da torcere d Barcellona e Tottenham eppure, a distanza di mesi, questa squadra sembra letteralmente allo sbando e priva di identità…

Calciomercato, i colpi dell’ultimo giorno

Milan, ora serve continuità: a Roma spareggio Champions