Inter, troppo brutta per essere vera

Squadra irriconoscibile

Troppo brutta per essere vera. Sì, perchè la squadra scesa in campo ieri sera contro la Lazio è stata letteralmente irriconoscibile. Zero gioco, zero idee eppure nonostante ciò, non si è riusciti a buttare due palloni in fondo al sacco a porta sguarnita.

L’Inter per l’ennesima volta si stava salvando in Zona Cesarini ma Lautaro Martinez riesce nell’impresa di tirare fuori una palla che andava solamente spinta in rete. Poi la rete della Lazio, meritata per certi punti di vista se si considera la prestazione dei neroazzurri.

La partita si avvia verso il termine e al 120′ dei supplementari ancora la fortuna bacia l’Inter e gli interisti: fallo in area e calcio di rigore che Icardi con assoluta freddezza trasforma.

L’epilogo amaro

La serie dei calci di rigore inizia bene ma alla fine nonostante Handanovic avesse parato un rigore, Lautaro prima e Nainngolan poi sbagliano dal dischetto, regalando il passaggio del turno alla Lazio.

Ora, arrivati al 1 febbraio, l’Inter sembra deteriorata e priva di un’identità. I giocatori sembrano siano in campo fisicamente ma non mentalmente e a lungo andare il tutto si potrebbe pagare molto caro: se fino a qualche mese fa la qualificazione in Champions era scontata, ora non lo è più.

Ai posteri l’ardua sentenza….

Nainggolan tradisce l’Inter dal dischetto. Lazio in semifinale

gattuso

Milan, si lavora per il riscatto di Bakayoko