Inter, notte fonda contro il Bologna: ora è crisi profonda

L’analisi

Inter, perchè tutto questo? Cosa sta succedendo? Sono tante le domande che i tifosi interisti si stanno ponendo negli ultimi giorni, ma al contempo sono tanti i quesiti ai quali non si riesce a rispondere. La squadra continua ad essere spenta, priva di idee e quelle poche occasioni che si riesce a creare, vengono puntualmente sprecate sopratutto da Lautaro e Icardi, il vero volto della crisi interista.

Dopo aver chiuso il 2018 vincendo e convincendo, il nuovo anno si è aperto con il pareggio contro il Sassuolo e con le sconfitta contro Torino, Lazio e Bologna. E’ scattato così l’allarme rosso in casa Inter, puntualmente accompagnato dai fischi del Meazza. Spalletti continua a sostenere che la squadra lo segua, ma in campo tutto sembra tranne ciò. La dirigenza gli ha ribadito ancora una volta la fiducia, ma Parma può rappresentare per l’allenatore di Celtaldo l’ultima spiaggia.

Se un posto per la prossima Champions League era quasi sicuro, ora non lo è più e le antagoniste come Milan, Roma e Lazio si fanno sempre più vicine. Serve tornare a vincere per scacciare i fantasmi ma la tifoseria si divide. C’è chi dice che è colpa dell’allenatore e chi dice che è colpa dei giocatori. Insomma, regna l’incertezza assoluta e servirebbe una scossa per uscire da questo brutto momento. Spalletti è al muro, sempre più solo e in caso di sconfitta a Parma, la sua avventura a Milano potrebbe essere finita….

 

Juventus, senza Chiellini e Bonucci la difesa latita

Il Milan si gode un ritrovato Donnarumma