Juventus, Rugani deve crescere: poche le garanzie

allegri

Rugani, poche le garanzie

Giunti a febbraio, è ora che le cose iniziano a farsi molto serie per la Juventus di Massimiliano Allegri. Fallito l’obiettivo Coppa Italia, che la società desiderava, scudetto a parte, i bianconeri saranno chiamati a dimostrare il loro valore in Champions League.

Allegri spera di recuperare la coppia Bonucci- Chiellini al più presto, perchè senza di loro la difesa latita: sei gol presi in tre partite sono troppi per una squadra costruita per vincere tutto come la Juventus. Le riserve hanno dimostrato di dare poche garanzie e fra questi c’è anche Daniele Rugani. La partenza di Benatia, che ha indebolito la rosa, aveva l’obiettivo anche di far esplodere completamente il talento italiano, che però sembra in difficoltà.

Alcuni dicono che abbia poca personalità, altri dicono che deve ancora maturare, altri sostengono che non sia un giocatore da Juventus. Vuoi o non vuoi, i bianconeri dovranno continuare a giocare con il difensore, dandoli possibilmente più fiducia. Certo, avere un Chiellini al suo fianco sarebbe stato meglio ma purtroppo deve accontentarsi di Caceres.

L’uruguaiano ha dimostrato contro il Parma tutti suoi limiti e le sue fragilità. Il suo acquisto per molti è un errore e c’è da capirli dopo ciò che si è visto sabato allo Juventus Stadium. Insomma, in ottica Champions tutti aspettano Bonucci e Chiellini, altrimenti contro l’Atletico Madrid sarà veramente dura.

Milan, momento no per Suso: Gattuso aspetta i suoi assist

Inter, è Icardi il volto della tua crisi