Inter, torna lui e la squadra si accende: quanto era mancato

Uno vittoria per respirare.

L’Inter ritorna alla vittoria con il successo in trasferta sul campo del Parma. Tre punti fondamentali dopo un inizio 2019 da incubo. Tra Sassuolo, Torino e Bologna, i nerazzurri avevano raccolto un solo misero punto. Anche ieri le difficoltà sono state troppe, soprattutto in fase offensiva. Mauro Icardi è assente mentalmente e non segna da 7 partite. Contro i ducali, però, si è rivisto un Radja Nainggolan più brillante. Il belga è ancora un lontanissimo parente di quello che abbiamo osservato nei periodi migliori, ma la sua ripresa si è già notata.

Nainggolan fondamentale

I limiti della squadra di Luciano Spalletti sono a centrocampo. Nessuno riesce a garantire qualità e verticalizzazioni. L’Inter è la formazione che calcia meno dalla lunga distanza e ,contro il Parma, è servito un gol di Lautaro Martinez, nato proprio grazie ad un assist di Radja Nainggolan, per portare a casa i tre punti.

L’ex Roma, dopo aver recuperato una palla a centrocampo, ha dato il via all’azione che ha determinato il successo a Spalletti. Il numero 14 è apparso in ripresa soprattutto sotto l’aspetto fisico. Condizione necessaria che gli ha permesso di coprire tutto il campo e di prendere palla tra linee.

Eppure, l’acquisto tanto voluto da Spalletti aveva creato enormi polemiche per gli eccessi extra-calcistici ed i troppi infortuni di questa stagione. Nainggolan è in fase calante ma la sua qualità serve come il pane all’Inter.  Il tecnico di Certaldo ha utilizzato diversi schieramenti ed altrettanti uomini in queste settimane ma, alla fine, il risultato si è rivelato sempre lo stesso. Zero idee e nessun calciatore in grado di accollarsi la squadra quando Mauro Icardi è  un fantasma.

I tifosi nerazzurri saranno sicuramente rassegnati e delusi perché  attendevano qualche rinforzo dal mercato di gennaio ma il posto in Champions ed una buona Europa League sono gli obiettivi da inseguire e, sia Spalletti che i sostenitori interisti, devono sperare nel recupero di Radja Nainggolan. L’unico calciatore, al momento, in grado di garantire qualità al reparto, sostegno agli attaccanti e personalità nei momenti difficili.

Serie A, il Bologna non sfonda: pareggio contro il Genoa

Sarri sfida Guardiola. Le formazioni di Manchester City Chelsea