Icardi temporeggia? Il mio capitano è Skriniar!

Skriniar, il mio capitano

Milan Škriniar ha compiuto ieri 24 anni. Considerando la mia repulsione alla puntualità, solo oggi gli faccio gli auguri di buon compleanno. Mi sono preso 24 ore di tempo per riflettere, perché Milan Škriniar merita “auguri speciali”. O meglio: meriterebbe un regalo speciale. Quale? La fascia di capitano. Tempo fa ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport, che è facile da riassumere: “Zero dubbi, resto all’Inter. Per questo club firmerei a vita”. Sono certo che anche l’attuale capitano le abbia dette, ma non ricordo a quale giornale o televisione. Devo essermele perse, ultimamente sono molto distratto.

Il suo arrivo

Milan Škriniar, da quando è arrivato all’Inter, non ha mai detto una parola fuori posto. Quando c’era bisogno di assumersi delle responsabilità, non si è nascosto dietro a un post su Instagram. E’ andato davanti alle telecamere e ci ha messo la faccia. Sono sicuro che anche l’attuale capitano lo abbia fatto, magari dopo la sconfitta interna contro il Bologna, però sono distratto e devo essermelo perso.

Già immagino l’espressione dei sostenitori dell’attuale capitano carica d’odio per quanto letto fino a ora. L’attuale capitano è indispensabile a questa squadra, staranno ora pensando. Potremmo dar loro ragione, se non avessero torto. L’Inter ha superato l’addio del Mago e dopo pochi anni era già in finale di Coppa dei Campioni. L’Inter ha superato l’addio del trio tedesco e pochi anni dopo vinceva una Coppa Uefa. L’Inter ha superato l’addio del più forte di tutti i tempi, dopo Diego e Crujiff, e ha vinto tutto. Credo che l’Inter sia in grado di superare l’addio di un grande attaccante con il quale non ha vinto niente.

Le parole di Luciano Spalletti

“Uomini forti per destini forti” diceva qualcuno poco tempo fa. Milan Škriniar è l’impersonificazione di questo concetto. È arrivato in punta di piedi. È stato considerato un brocco – vi ricordate: Abbiamo preso il fenomeno Rambert e nel mentre ci hanno dato un ceto Zanetti? – ma è subito sbocciato per quello che è: fra i 10 difensori più forti del mondo. Milan Škriniar ha tutto per ripercorrere le orme dei grandi capitani dell’Inter nei quali, spiace, ma non inserirò mai l’attuale.

E adesso?

Mi chiedo: perché non gli diamo la fascia? Abbiamo paura di qualcuno? Abbiamo timore di qualcosa? Ripetiamo sempre “l’Inter agli interisti”. Bene. Cosa deve dire di più uno che ha già sentenziato: “Zero dubbi, resto all’Inter. Per questo club firmerei a vita”? Godetevi la telenovela per il (non?) rinnovo dell’attuale capitano. Io, il mio, ce l’ho già. Auguri, Milan: 100 di questi giorni a tinte nerazzurre.

Ci lascia Gordon Banks. L’uomo che fermò il più grande di sempre

Roma, Monchi è un uomo solo: anche Di Francesco lo tradisce. I dettagli