Juventus, il bond diventa realtà: ecco quando verrà lanciato

Secondo quanto riportato da MF la Juventus potrebbe emettere a breve il bond. Questi i dettagli della manovra finanziaria bianconera.

Anche la Juventus, come tantissime società di alto calibro in Europa, dovrà percorrere la via dell’emissione di un bond. Dopo l’acquisto di Cristiano Ronaldo e l’arrivo di Ramsey a parametro zero i bianconeri hanno deciso di percorrere questa via per reperire liquidità nel breve periodo.

Il bond, secondo la definizione della Treccani è una “Nel linguaggio finanziario, termine che corrisponde genericamente all’italiano obbligazione, usato soprattutto per indicare un titolo a reddito fisso rimborsato a medio o lungo termine.”. L’ammontare definitivo del bond sarà di 150 milioni. Verrà quotato sulla borsa di Lussemburgo, come già successo con quello dell’Inter di 300 milioni. Si tratterà di una obbligazione senza rating di tipo senior unsecured con scadenza a cinque anni e pagherà una cedola fissa.

A cosa serve il bond alla Juventus?

Come spiegato bene da Calcio e Finanza, l’obiettivo, per la Juventus, è quello di rimpiazzare parte del debito bancario, riducendo gli oneri finanziari, ma soprattutto di ristrutturare l’indebitamento allungando le scadenze, visto che gran parte è in scadenza al 2021. In questo modo, infatti, i bianconeri potranno pianificare con più tranquillità le future campagne acquisti.

In questo modo il progetto di crescita della società, soprattutto a livello dei top club europei, rimarrà intatto. I bianconeri potranno continuare a pianificare il futuro con tranquillità e senza doversi privare di pezzi pregiati in nome di plusvalenze e introiti.

Inter, rapporto Marotta Spalletti vicino alla svolta. Il motivo

Pessime notizie per Carlo Ancelotti. Il tecnico azzurro deve correre ai ripari