Parigini a un passo dai quarti. Le pagelle di Manchester United PSG

Il PSG demolisce lo United all’Old Trafford, nonostante le assenze di Neymar ed Edinson Cavani. Le pagelle di Manchester United PSG.

Il Manchester United crolla all’Old Trafford contro il Paris Saint Germain. Questa è la prima sconfitta della gestione Solskjaer, una sconfitta pesante che vede allontanarsi e non di poco i quarti di finale.

Ottima prova del PSG che, nonostante le assenze pesantissime di Neymar ed Edinson Cavani, gioca un’ottima partita e ipoteca il passaggio del turno con questa vittoria fuori casa.

Le pagelle del Manchester United

De Gea 7. Para tutto quello che può, incolpevole sui due gol.
Young 6. Nel primo tempo si improvvisa wrestler spingendo contro le barriere Di Marìa. Nel secondo tempo l’argentino non gliela fa vedere mai.
Bailly 5.5. Lo United non soffre molto, sul gol del 2-0 dorme tanto quanto Lindelof.
Lindelof 5.5 Dalla difesa il gioco parte sempre da lui. La dormita su Mbappè può costare il passaggio del turno.
Shaw 6. Dalla sua parte Dani Alves sfonda poco. Lo United tutto, però, si dimentica di entrare nel secondo tempo.
Matic 5. Sui calci piazzati deve marcare l’unico giocatore pericoloso e se lo perde alla prima occasione.
Herrera 6. L’unico sufficiente tra i centrocampisti, la sua è l’unica occasione del secondo tempo.
Pogba 5.5. Nel primo tempo è ispirato e domina in ogni parte del campo. Rischia il rosso nel primo tempo, su Dani Alves invece è sacrosanto.
Lingard 6. La sua partita dura un tempo ed esce per infortunio, nelle ripartenze è molto pericoloso. (Sanchèz SV. Entra ma nessuno se ne accorge. Due anni fa rideva dalla panchina nel 5-1 del Bayern contro l’Arsenal, questa sera non rideva nessuno.)
Rashford 6.5 Nel primo tempo è il centro delle ripartenze, nel secondo tempo soffrono tutti i Red Devils (Lukaku SV. Gioca 5 minuti, appena entrato si fa espellere Pogba.)
Martial 6.5. Finalmente è tornato quel giocatore che lo United ha pagato e tanto poche estati fa. Esce anche lui dopo un tempo per problemi fisici.(Mata 6. Unico nel tridente a provare a fare qualcosa nel secondo tempo, troppo poco.)
Solskjaer 6.5. Nel primo tempo la scelta dell’attacco leggero premia e mette sotto il PSG. I due infortuni gli tagliano le gambe.

Le pagelle del PSG

Buffon 6.5. Due parate nel primo tempo, un leader importantissimo per i tanti giovani in campo.
Kehrer 7. Che rimpianto per l’Inter. Già preso da Ausilio e affare cancellato da Fassone. Motorino e una qualità che ai nerazzurri farebbe benissimo.
Thiago Silva 6.5. Capitano, difensore ancora ordinatissimo nonostante l’età che avanza. Leader al pari di Buffon.
Kimpembe 7. Nel primo tempo soffre la velocità avversaria e prende subito il giallo. Sblocca la partita e diventa un muro.
Bernat 7. Bruttissimo nel primo tempo, nel secondo cresce tutta la squadra e dai suoi piedi, in posizione di regista, parte l’azione del 2-0.
Verratti 7. Stava male fisicamente, è stato recuperato in fretta e furia. Non la perde mai e domina il centrocampo. Esce stremato e con la caviglia destra che fa preoccupare Tuchel. (Paredes SV. Entra per gestire il possesso ma la partita è già chiusa.)
Marquinhos 7. A centrocampo non viene mai passato. Fenomenale.
Dani Alves 6.5. Offensivamente spinge poco, ma non è necessario vista l’intesa sull’out di sinistra.
Di Marìa 7. Lo fischiano dal primo minuto, viene sbattuto contro le barriere e da lì si infuoca. Batte l’angolo da cui parte il vantaggio e serve Mbappè per il 2-0. Per una sera sembra tornare il fenomeno della decìma (Dagba SV)
Draxler 6.5. Il più silenzioso dell’attacco parigino. Nel primo tempo mette Mbappè davanti alla porta ma il francese sbaglia malamente.
Mbappè 7. L’anno scorso contro il Real Madrid giocò forse la sua peggior partita. Quanto è cresciuto in 12 mesi il piccolo predestinato.
Tuchel 8. Favorito assoluto un mese fa, gli infortuni di Neymar e Cavani lo hanno reso l’underdog. Lui va a Manchester e regala una dimostrazione di forza mai vista in quel di Parigi.

Le formazioni ufficiali di Manchester United PSG. Pogba sfida Buffon

Champions League, è una Roma da sogno: 2-1 al Porto