Fiorentina Inter. L’analisi di tutti gli episodi al Var di questa sera

Fiorentina Inter. Nella gara di questa sera il protagonista è, nel bene e nel male, il Var. Questa l’analisi di tutte le decisioni.

Sono ben quattro le situazioni clou in cui il Var è dovuto intervenire. Due i rigori fischiati e due i gol su cui aleggia lo spettro di un possibile fuorigioco.

Per quanto riguarda il gol di Simeone, poi decretato autogol di De Vrij, è da analizzare la posizione di partenza di Chiesa. L’esterno della Fiorentina parte largo a destra marcato da Muriel. Al momento del passaggio il giocatore è in posizione regolare perché, come mostrato dalle immagini Var, la spalla del terzino nerazzurro tiene in gioco Chiesa. Anche sul gol di Vecino è da studiare a fondo la posizione di partenza del centrocampista che, anche in questo caso, resta in gioco avendo la spalla in linea con quella del difensore più basso della Fiorentina.

Fiorentina Inter, l’analisi dei due calci di rigore

Il rigore assegnato all’Inter è, certamente, il più difficile degli episodi di giornata. Il difensore colpisce il pallone con la mano ma, in questa situazione, vanno considerate altri due particolari: il primo è il tocco, quasi impercettibile, di Lautaro Martìnez che potrebbe invalidare la situazione fallosa; il secondo è il gesto del difensore, il braccio infatti sembra spostarsi a protezione del volto. Non è facile decretare una decisione assoluta ma, soprattutto dall’anno prossimo quando non ci sarà più da considerare la volontarietà del gesto, sempre più spesso queste situazioni vengono considerate fallose.

Il momento più discusso della gara, però, è stato il rigore fischiato alla Fiorentina per fallo di mano di D’Ambrosio. In presa diretta l’arbitro non ha avuto dubbi e ha immediatamente fischiato indicando il dischetto. Quando, successivamente, il direttore di gara viene chiamato a ricontrollare la sua decisione le immagini mostrano che il pallone colpisce sia il petto del giocatore che, ma solo successivamente il braccio. La decisione dell’arbitro non cambia e la Fiorentina trova il gol del pareggio. Il motivo per cui il rigore può essere stato confermato dall’arbitro si può leggere in un suo dubbio, invalidando il concetto di “errore grave”.

Prandelli Genoa News

Chievo Genoa, Prandelli come Ballardini

Fiorentina Inter, Brozo e Nainggolan contro Abisso! (FOTO)