Conferenza Spalletti: le parole del tecnico nerazzurro (Live)

CONFERENZA SPALLETTI | Il tecnico nerazzurro Luciano Spalletti sta parlando in conferenza stampa alla vigilia della sfida casalinga contro la Spal. I nerazzurri vengono dal pareggio in Europa League e dalla sconfitta contro il Cagliari in campionato.

Comferenza Spalletti live

Cambierà dei giocatori per la Spal?
Dovrò cambiare qualcuno dall’ultima formazione per forza, quando ci sono tanti impegni ravvicinati. Sostituirò dei titolari con altri titolari.

Quanto è importante adesso giocare in casa per l’Inter?
Conta molto, anche perché adesso i risultati sono più pesanti. Domani lo stadio sarà pieno di 65.000 numeri 1, sono come dei calciatori top per noi. L’anno scorso ci hanno creduto fino alla fine, ci stanno credendo anche quest’anno nelle nostre possibilità. Sarebbe bello festeggiare questo compleanno dei 111 anni tutti insieme, l’epilogo migliore che potrebbe venir fuori in questo momento.

Sulla questione Icardi: ci sono novità rispetto all’Eintracht? Sarà necessario un confronto tra lei e il giocatore?
In questo momento non sono stato molto aggiornato dell’incontro di ieri, ma nessuno meglio di Marotta saprà gestire questa situazione. Dall’esperienza che ha, tutelerà tutte le parti, è giusto che chiediate a lui perché è lui che sta portando avanti questa possibilità di dialogo. Per quanto mi riguarda, io devo concentrarmi sul mettere in campo una squadra dai valori importanti, in linea con questo club e i suoi tifosi.

Spal, Eintracht, Milan: sono tre partite che possono dare una svolta positiva. Che si aspetta dalla squadra per essere soddisfatto? Su Icardi, pesa il fatto che sia fermo da un mese per un inserimento veloce?
Dalla squadra mi aspetto che sia pronta per qualsiasi eventualità, abbiamo dei calciatori che ci permettono di mettere in campo sempre l’Inter. Gli allenamenti sono importanti per tutti, però in quel caso conta il tuo trascorso: se si è sempre giocato per mesi, magari un periodo del genere può essere rigenerante. L’importante è che non ricaschi in un periodo di inattività perché potrebbe generare degli scompensi in termini di prestazione.

Ci sono diversi giocatori diffidati: influirà nelle scelte? Avrà una parola in più per Lautaro per dirgli di stare attento?
La cosa più importante è conquistare il risultato, poi si fanno tutti questi ragionamenti per la settimana che andiamo ad affrontare. La riflessione è corretta, la facciamo anche noi. La raccomandazione a Lautaro è stata fatta subito dopo che ha preso l’ammonizione precedente. Dovremmo riuscire ad evitare di prendere un’ammonizione perché ci si toglie la maglia.

Visto il momento della stagione per la mancanza di risorse in questo momento, è il peggiore da quando è qui?
No io ho tutto quello che mi serve a disposizione per fare dei risultati. La squadra sta rispondendo bene, e io domani mi aspetto un certo tipo di reazione da chi scenderà in campo e chi sarà in panchina.

 

La Spal all’andata vi ha messo in difficoltà, perché corre tanto. Può essere così anche adesso che avete tanti incontri ravvicinati?
Considerando alcuni parametri, la Spal è da alta classifica. Noi vogliamo dare seguito ai buoni valori espressi nelle ultime uscite, per l’importanza del momento sono sicuro che la squadra darà un po’ di extra.

Parla spesso del contributo della difesa: in merito a questo, quanta fiducia dà a Skriniar e de Vrij in vista delle prossime partite?
Sono quelli che ho usato di più, hanno dato un contributo importante, facendo vedere la loro personalità e qualità, sia nel fisico che nella costruzione di gioco. Ma anche quando hanno giocato Miranda e Ranocchia, l’esito è stato lo stesso. È un modo di lavorare corretto di reparto che poi dà beneficio a tutta la fase difensiva della squadra. Davanti si può usare una giocata del singolo per determinare una giocata, dietro capita meno.

Milan Inter, Herrera snobba le milanesi, ecco dove finirà il messicano

ESCLUSIVA CD – Inter, senti Garlando: “No al ritorno di Mourinho”