Juventus Atletico, i bianconeri tentano l’impresa “impossibile”: il motivo

JUVENTUS ATLETICO – Eccoci arrivati così al giorno che tutti aspettavano. La data odierna e cioè il 12 marzo potrebbe entrare nella storia del club bianconero ma ciò dipenderà solo ed esclusivamente dagli undici che scenderanno in campo. L’impresa non è impossibile ma è al contempo difficile. Per molti segnare tre reti all’Atletico Madrid è un’utopia, ma la Champions League ci ha insegnato fino a questo momento che nulla è irrealizzabile. Esempi concreti sono la rimonta dell’Ajax al Bernabeu oppure quella del Manchester United contro il Paris Saint Germain. Insomma, la Juventus sa di potercela fare ma ci vorrà una prestazione impeccabile, senza sbavature e sopratutto diversa da quelle offerte fino a questo momento.

Juventus Atletico, i bianconeri tentano l’impresa

Partiamo da un dato che di certo non è confortante: nei cinque precedenti che hanno visto i bianconeri essere sconfitti 2-0 nell’andata dei turni ad eliminazione diretta della Champions League, a ciò è sempre seguita l’eliminazione. Gli almanacchi sono lì a testimoniarlo e così la Juventus è stata elimanata nei precedenti storici da Benfica, D.Dresda, B.Moenchenglabach, dall’Arsenal e dal Bayern Monaco. Detto ciò, è anche vero che stasera ci possa essere l’eccezzione ma ci vorrà un’autentica impresa.

La partita di questa sera vedrà sicuramente una Juventus propensa all’attacco e non potrebbe essere altrimenti. L’Atletico Madrid agirà sicuramente in contropiede e con due contropiedisti come Griezmann e Morata, sarà necessario concedere il meno possibile. Se gli spagnoli, visto il probabile sbilanciamento dei bianconeri, andassero in rete, il tutto si andrebbe a complicare. Certo, queste sono solo supposizioni ma è necessario far ciò perchè di scenari possibili ve ne sono molti.

Il motivo però che spinge in molti a non credere nella rimonta è la condizione fisica della squadra, apparsa in calo e non all’altezza di molte situazioni. La partita contro il Napoli ne è l’esempio più evidente ed oltre a ciò bisogna soffermarsi anche sul modulo. C’è chi parla di 4-3-3 e chi di 3-5-2 con l’utilizzo di Caceres che tutti danno per scontato a discapito di un Rugani che forse potrebbe essere di maggiore aiuto. Fondamentale per la Juventus sarà aprire le maglie spagnole e a questo scopo i terzini reciteranno un ruolo da protagonista. Cancelo e Spinazzola dovranno spingere con continue sovrapposizioni e al contempo sarà necessario evitare errori tecnici.

Le raccomandazioni sono tante e non può essere altrimenti se si vuole compiere un’impresa. In conclusione, parliamo anche della principale preoccupazione di Allegri e cioè quella di non concedere l’uno contro uno a Griezmann. L’allenatore toscano sa che può essere letale ma se si vuole offendere in maniera continua, ievitabilmente qualcosa di dovrà pur concedere. La Juventus si aggrappa a un po’ di fortuna e sopratutto a Chiellini e Bonucci che oggi più che mai dovranno fare la voce grossa. Ai posteri l’ardua sentenza…..

Genoa Juventus, Bessa: “Daremo tutto in casa contro i bianconeri”

Icardi Inter, “La squadra non lo vuole più!”: la rivelazione