Juventus Atletico Madrid. Nella notte di Ronaldo è Bernardeschi a illuminare lo Stadium

Juventus Atletico Madrid. Nella notte della prima tripletta europea in maglia bianconera di Cristiano Ronaldo è Federico Bernardeschi a illuminare lo Stadium con una prestazione dominante. L’esterno ex Fiorentina è stato cruciale per la partita disegnata da Allegri e in tutti e tre i gol mette lo zampino. Sul gol dell’1-0 è suo l’assist al bacio che Ronaldo deve solo spingere di testa. Sul raddoppio è suo il passaggio verso Pjanic per ribaltare il lato prima del cross perfetto di Cancelo, chissà a Milano in quanti si stanno mangiando le mani. Il rigore del 3-0 parte da una sua sgroppata in cui si lascia dietro Correa che era entrato appena quindici minuti prima.

Per tutti i novanta minuti, però, è stato lui a creare i maggiori pericoli alla retroguardia dell’Atletico Madrid. Il suo lavoro a tutta fascia è di prim’ordine, e Allegri dovrà ringraziare calorosamente Paulo Sousa che alla Fiorentina lo schierò esterno del 352 insegnandogli tantissimo dal punto di vista del sacrificio e dell’ordine. Sarà, giustamente, Cristiano Ronaldo a guadagnare le prime pagine per la tripletta che vale il passaggio del turno ma, come già si era visto all’andata nei pochi minuti in campo, è proprio Federico Bernardeschi a dare una svolta alla squadra.

Juventus Atletico Madrid, la notte della consacrazione

Non è solo Bernardeschi, però, a meritare le prime pagine dei giornali in coppia con Cristiano Ronaldo. Emre Can è stato bravissimo in fase difensiva ad aiutare i due centrali difensivi e ancor più bravo in fase d’impostazione al fianco del solito immenso Pjanic.

Anche Cancelo e Spinazzola, però, meritano grandi elogi per via della prestazione maiuscola soprattutto in fase offensiva dove sono stati in grado di partecipare con costanza permettendo a Bernardeschi e Cristiano Ronaldo di accentrarsi e mettere in difficoltà la retroguardia dell’Atletico Madrid.

Allegri Juventus. Le parole del tecnico al termine della gara

Juventus Atletico, Spinazzola e Bernardeschi mostruosi: l’analisi