Allegri Juventus, la rivincita del toscano: i tifosi si scusino

ALLEGRI JUVENTUS – E’ in dubbio il fatto che Allegri ieri sera si sia preso una grossa rivicinta? Decisamente no. L’ allenatore toscano ha messo a tacere a modo suo ogni critica sul suo conto, facendo giocare  a meraviglia la Juventus. Il trionfo contro l’Atletico Madrid porta così non solo la firma di Ronaldo, ma anche quella di Allegri. Molti restano comunque molto scettici sull’allenatore toscano ma fatto sta che ieri sera ha messo in scena un vero e proprio capolavoro.

Allegri Juventus, la rivincita del toscano

Allegri si prende la sua rivincita con tre mosse fondamentali e allo stesso tempo decisive. Certo, sono state molto coraggiose ma alla fine hanno pagato. Partiamo da Emre Can, forse la più straordinaria delle tre mosse effettuate. Egli infatti è stato schierato sulla linea difensiva a tre insieme e Bonucci e Chiellini allo scopo da centrocampista quale egli è, di poter costruire dal basso. Il tedesco si è ben comportato, mettendo a tacere parecchie critiche e facendo vedere quale sia il vero Emre Can. Ha lottato e difeso con caparbietà, unendo a tutto ciò una buona dose di cattevieria agonistica. In fondo, quando c’è da lottare, lui non si tira mai indietro.

La seconda mossa è quella di Spinazzola, al suo debutto stagionale dal primo minuto. Per un giocatore non è facile esordire per la prima volta da titolare in Champions League, eppure egli si è ben comportato. Straordinaria la sua prestazione, caratterizzata da cross a non finire e tanta costanza. Allegri l’ha vista lunga anche su di lui, già da quando non lo fece partire a gennaio direzione Bologna.

La terza mossa è invece quella di Bernardeschi che in fondo, ha spiazzato un po’ tutti. Invece, l’esterno ex Fiorentina si è caricato sulle spalle la squadra con un assist spettacolare per la prima rete di Ronaldo e poi con il rigore procurato. Tre mosse azzardate ma tutte e tre vincenti!

Ora però non bisogna salire sul carro dei vincitori e da un giorno all’altro, tornare ad esaltare Allegri. I tifosi juventini sono divisi e alla maggior parte continua a non convincere. In molti, tre settimane fa, lo misero sul banco degli imputati, chiedendone addiruttta l’esonero immediato. Certe ferite non si cancellano ed è arrivata forse l’ora che qualcuno gli chieda scusa.

Spalletti Inter, il tecnico nerazzurro può sorridere: recupero lampo

Juventus Atletico, pioggia di milioni dopo la straordinaria rimonta