Icardi Inter, festa per la pace? No: ecco come stanno le cose

Oggi il giorno del rientro in gruppo di Icardi

ICARDI INTER – E’ nella giornata di oggi 21 marzo che dovrebbe avvenire il rientro in gruppo di Mauro Icardi. L’argentino infatti dovrebbe tornare ad allenarsi con i compagni alla Pinetina agli ordini di Luciano Spalletti dopo 36 giorni di assenza. L’ex capitano si allenerà con quei pochi che sono rimasti a Milano, a causa degli impegni delle proprie nazionali. Fondamentale sarà recuperare la condizione per poter tornare ad essere a pieno regime dopo la pausa. La telenovela sembra sia finalmente terminata, anche se di carne da mettere a fuoco c’è ne ancora tanta.

Icardi Inter, festa per la pace?

Dopo 36 giorni di telenovela, si può finalmente dire di essere giunti alla pace o alla tregua. Decisivo è stato il ruolo ricoperto dall’avvocato Nicoletti, da sempre vicino alla famgilia Moratti e che Wanda Nara ha fortemente voluto. Infatti, la moglie di Icardi nel momento di più assoluta difficoltà, si è rivolto all’ex presidente nerazzurro per risolvere la questione.

In fin dei conti però, Icardi ottiene ben poco. Infatti, la fascia non gli verrà restituita ma dall’altro canto ha gradito l’atteggiamento mediatico propositivo del club. L’argentino non voleva passare come lo sfascia-spogliatoio e l’Inter da questo punto di vista ci ha lavorato molto.

In ogni caso, i nerazzurri vanno a recuperare un grande potenziale in vista delle volata Champions, anche se la cessione in estate appare sempre più inevitabile. Così, se ciò dovesse accadere, l’Inter recupera un capitale economico importante perchè se lo stallo sarebbe continuato, il suo valore si sarebbe inevitabilmente abbassato.

La palla però passa ora nelle mani di Luciano Spalletti che difficilmente lo schiererà titolare contro la Lazio al rientro dalla sosta. Ci sono alcune gerarchie da rispettare e anche un discorso di condizione fisica da tenere conto. La tifoseria è divisa e chissà se basterà una rete per recuperare la loro fiducia…..

Genoa news, rumors societari esterni

leonardo milan

Leonardo Milan, tira aria di rivoluzione: in tre rischiano