Genoa, basta chiacchiere da bar, sudatevi lo stipendio

GENOA – Interviste, social, sito ufficiale. Tutti concordi sul fatto che essere un gruppo unito sia la priorità. Giusto però perché ora? Mistero.

Giocatori del Genoa che sono arrabbiati per la sconfitta contro l’Inter “dovevamo fare punti prima”. Dei geni. Il Professore Scoglio a questi signori direbbe “Noi siamo il Genoa e chi non ne è convinto posi la borsa e si tolga le scarpe” frase celebre attuale come non mai.

Genoa, voltare pagina

I tifosi non abbandoneranno il Grifone, non è mai successo e mai succederà ma tutti i bonus sono stati spesi. Adesso in campo vogliono vedere dei leoni. Che giochi Criscito o il magazziniere. Vogliono belve assetate di sangue non ballerine con il tutù.

Abbiamo visto applaudire i calciatori del Genoa anche dopo sconfitte, retrocessioni , insomma sempre ma bisogna dare tutto. Adesso si deve voltare pagina e cominciare a scrivere una storia diversa che potrebbe intitolarsi “tengo i coglioni e ve lo dimostro”.

Orgoglio e appartenenza potranno salvare il Genoa. I tifosi ci saranno. La squadra, il tecnico dovranno partecipare come protagonisti e non come comparse. Se ci sarà impegno tutti saremo trascinati e ci spelleremo le mani dagli applausi poi a fine anno si faranno i conti, con tutti, principalmente con la società. Basta polemiche tirate fuori gli attributi perché vestire la casacca Rossoblù è un onore che esula da tutto.
Forza Genoa
Redazione

Infortunio Ronaldo, recupero da record! Le ultime

Icardi Inter. Continua la guerra con la curva nord: l’ultimo comunicato