Inter Atalanta. Lo spettacolo abbonda a San Siro, ma mancano i gol

Inter Atalanta. Lo spettacolo abbonda a San Siro nella 31ma giornata di campionato. Lo 0-0 finale sorride ai nerazzurri che allungano sul Milan. Negli ultimi anni le sfide tra Inter e Atalanta hanno sempre regalato molto spettacolo. La squadra di Gasperini continua a crescere e, con il pareggio di oggi, aggancia il Milan in classifica e raggiunge la zona Champions.

Nella gara di oggi l’Inter ha perso quasi subito Brozovic a causa di un problema muscolare e, infatti, la squadra di Luciano Spalletti ha fatto molta fatica a trovare ritmo e geometrie nel corso della gara. La squadra di Gasperini, invece, ha messo in campo una squadra molto qualitativa e sempre pericolosa nel pressing. La mancanza di Zapata in attacco si è fatta sentire, soprattutto quando gli esterni arrivavano sul fondo a crossare, ma l’Atalanta è riuscita comunque, grazie a Ilicic e al Papu Gomez, a creare azioni pericolose. Con l’ingresso di Borja Valero i nerazzurri si sono stabiliti nella metà campo avversaria senza, però, trovare il gol della vittoria.

Inter Atalanta, il report della gara

Nel primo tempo è Mauro Icardi a mangiarsi il gol dell’1-0: a tu per tu con il portiere avversario l’argentino ha sbagliato lo scavetto che avrebbe portato in vantaggio i nerazzurri. Dopo l’infortunio di Brozovic (sostituito da Nainggolan) i nerazzurri hanno fatto molta fatica a creare gioco e l’Atalanta, invece, è riuscita molto spesso ad arrivare nella trequarti avversaria.

Nel secondo tempo l’Atalanta inizia molto bene ma, lentamente, inizia a soffrire dal punto di vista fisico e con l’ingresso di Borja Valero l’Inter torna in cattedra. Sui piedi di Nainggolan capita un’occasione gigantesca, dopo un assist meraviglioso di Vecino, ma Gollini sfodera una grandissima parata. Nel finale ancora Icardi e Vecino mettono in pericolo l’Atalanta con due colpi di testa che la difesa, in un modo o nell’altro, riesce a disinnescare.

marotta inter

Marotta Inter, l’AD nerazzurro lapidario sul futuro di Icardi

Napoli Genoa 1-1: l’analisi. E ora il derby