Napoli Genoa 1-1: l’analisi. E ora il derby

NAPOLI GENOA – Mister Prandelli, torna al 3-5-2, modulo su cui è stata costruita la squadra ad Agosto!  Lascia fuori gli acquisti di Gennaio, tranne Sturaro, non è una bocciatura, in campo ci vuole esperienza!  Gioca chi sa cosa comporta indossare questa maglia!

I risultati si vedono subito dopo pochi minuti, il Genoa è aggressivo va al tiro con facilità. Le sorprese sono comunque a centrocampo, un Miguel Veloso così ispirato non lo si vedeva da tempo, Gunter in difesa una splendida sorpresa, Pandev in attacco un sempreverde, neppure avesse 20 anni. Un intervento da arancione di Sturaro complica i piani, per l’arbitro e la Var è da rosso! Siamo al 28° p.t. L’esperienza in campo dei Senatori, non cambia nulla dell’approccio alla partita, subiamo un goal ma non c’è tracollo, tutto procede quasi meglio di prima, un palo a nostro favore, di Gunter segue, prima della fine del tempo il meritato pareggio.

Una triangolazione larga Kouamè – PandevLazovic, mette il Serbo davanti alla porta che incrocia, senza pensarci un attimo al volo. Il terzo portiere del Napoli, Karnezis, nulla può ed è 1-1. Nel secondo tempo, tutto in sofferenza ma senza subire troppo, grazie a 3 parate di Radu di ottima fattura, portiamo a casa un punto. Non cambia molto la classifica, fa comunque morale e lascia, se vince stasera il Bologna col Chievo, la terzultima a 6 punti.
È stata una partita giocata con coraggio, cercando di offendere, molto concentrati, con un Davide Biraschi centrale di difesa, il quale si è anche permesso di spingere.

Napoli Genoa archiviata, ora arriva il derby

Ora il derby, partita difficile, più che altro per questioni psicologiche, i ragazzi dovranno scendere con il coltello tra i denti, stasera sapremo a che quota si sarà alzata la salvezza, per cui domenica ore 15.00 i punti contano eccome!

Prandelli deve fare scelte difficili, giocare a 4 o a 3? Esperienza o sfrontatezza? Biraschi confermato nella difesa a 3 o confermato a prescindere. Temi caldi, su cui il tecnico dovrà decidere, i tifosi dovranno pazientare in attesa tra 6 giorni della “madre di tutte le partite”. La più importante dell’anno per Noi, in chiave doppia. Forza Ragazzi. Sempre come ieri!
R.N.

Inter Atalanta. Lo spettacolo abbonda a San Siro, ma mancano i gol

JUVENTUS PARATICI

Zaniolo Juventus, problema per Paratici: ecco quale