Spalletti Inter, ridotto il gap con le grandi: colpo di scena a centrocampo

SPALLETTI INTER – Tutto pronto per la conferenza di Luciano Spalletti, che introdurrà il match diretto contro la Roma. Gara delicata e da ex per il tecnico di Certaldo, dubbioso per quella che dovrà essere punta nel solito 4-2-3-1.

Lautaro Martinez ha recuperato dall’infortunio, mentre Mauro Icardi non vuol più lasciare il posto da titolare.

Inter: Spalletti predica ottimista

Sfida Champions?

Abbiamo ridotto il gap con quelle squadre da sempre citate. In particolar modo Napoli e Roma. Quindi un momento importantissimo e ci arriviamo con la corda tirata al punto giusto.

Avversarie in semifinale 

Non mi interessa essere valutato dalle sconfitte degli altri. Mi interessano le considerazioni obiettive sul nostro lavoro. Alcune gare dipendono dal periodo di forma, come successo contro il Francoforte.

Assenze di Borja e Brozovic, preoccupante?

Borja c’è e Brozovic verrà valutato. Tutto è in gioco ma non vogliamo rischiare perchè mancano partite importanti. Possiamo giocare con Gagliardini e Vecino senza problemi. Sono bravi a dividersi i compiti e Joao Mario può giocare basso.

Gara da ex

CI sono punti fondamentali da portare a casa. L’attenzione è tutta li ma c’è il ricordo di stagioni molto sentite.

Lautaro o Icardi?

Troppo presto per dire chi giocherà. Vanno fatte delle valutazione e stanno bene entrambi.

Totti ed il suo futuro

Mi viene difficile andare da altri e dare consigli. Alla Roma sanno come fare e Totti sa come fare. Il mio ruolo è un altro

Dzeko lo vorrebbe?

Si parla dei nostri e dobbiamo affrontarlo. E’ temibile ma noi abbiamo attaccanti e stanno facendo tutti bene. Per il mercato chiedete ad Ausilio.

Perisic si aspetta di più ??

MI aspetto tanto da molti dei miei calciatori. Lui essendo esperto e di livello internazionale saprà collocare la partita nel modo giusto nella sua testa.

Momento Roma

Ci arrivano correttamente e hanno fatto buoni risultati. Io debbo pensare alle mie difficoltà per quanto riguarda la mia squadra.

Timore nei 90 minuti

Ridurre il gap vuol dire anche questo. E’ successo di abbassare la concentrazione ma se siamo li a lottare, è stato già fatto un lavoro.

Ajax un esempio ? La Juve come si raggiunge e Nainggolan

Non è una partita che determina il cammino di una squadra. L’Ajax  sta facendo delle buone partite ed è in testa con il Psv in Eredevise. Nel nostro campionato è difficile comporre un’ Ajax perchè tra dire si vuol vincere e farlo, ci sono una serie di contenuti. Ci vuole una strada credibile per i calciatori e ci sono delle motivazioni da dare. Si va in campo e si prova. Ci sono grandi club che non si avvicinano se il portiere non sa giocare con i piedi. Noi diciamo che è un danno passare la palla al portiere. Loro hanno una cultura nazionale dove poi si va a giocare per portare a casa un disegno. All’estero cominciano dal portiere per liberare spazio e attrarre gli avversari ad uscire per prendere la palla. Faccio il passaggio in più perché mi si aprono spazi diversi.

Niccolò Zaniolo

Zaniolo è un calciatore di qualità ma non è l’unico rientrato nelle trattative di mercato. Non è l’unico sacrificato perchè si è dovuto prendere calciatori pronti. Nainggolan garantiva subito prontezza e differenza.

Gattuso Milan, recupero fondamentale: ecco cosa manca alle italiane in Europa

Insigne Napoli, dopo i fischi di ieri arriva la richiesta di De Laurentiis