Champions League, le fasce delle italiane: Juventus prima, Inter ed Atalanta….

CHAMPIONS LEAGUE – Eccoci finalmente giunti al termine di questo campionato. Si chiude un altro capitolo della storia del campionato italiano, e questa volta è stato vissuto fino alla fine, fra patos e ansia. La lotta per la Champions League è stata al cardiopalma, qualcosa di impensabile fino a qualche mese fa. Anche la lotta salvezza non si è fatta mancare niente e pur non meritando tale sentenza, l’Empoli retrocede in Serie B.

Champions League, le fasce delle italiane

A campionato terminata, iniziano così a delinersi in quali fasce saranno inserite le italiane. L’Inter, come riportato questa mattina dalla Gazzetta dello Sport, partirà in terza fascia, rispetto alla quarta fascia della passata stagione. La Juventus troverà spazio in prima fascia, mentre il Napoli in seconda ma tutto sarà maggiormente definito dopo le finali di Champions League ed Europa League.

In ogni caso, essere in testa di serie, non mette nessuna compagine al sicuro, poichè in seonda fascia ci saranno squadre come Real Madrid, Atletico Madrid, Borussia Dortmund e una fra Liverpool e Tottenham, a cui si aggiungerà il Chelsea se dovesse essere sconfitto dall’Arsenal in finale di Europa League. Inoltre, a causa del Ranking Uefa dell’Olanda, l’Ajax dovrà affrontare i preliminari per poter accedere alla fase a gironi.

Siamo alla fine di maggio, ma a quanto sembra la prossima Champions League sarà all’insegna del divertimento e di tanti colpi di scena. Nel frattempo, ecco qui di seguito le fasce.

PRIMA FASCIA: Barcellona, Manchester City, Juventus, Psg, Bayern Monaco, Zenit, Liverpool/Tottenham, Chelsea/Arsenal

SECONDA FASCIA: Real Madrid, Atletico Madrid, Borussia Dortmund, Napoli, Shakhtar Donetsk, Liverpool/ Tottenham, Chelsea/Arsenal

TERZA FASCIA: Inter, Benfica, Leverkusen, Valencia, Salisburgo

QUARTA FASCIA: Lokomotiv Mosca, Genk, Galatasaray, Lipsia, Atalanta, Lille

Inter, un’altra meravigliosa e palpitante notte a riveder le stelle

Leonardo Milan, clamoroso ritorno per il dirigente brasiliano in terra francese?