UFFICIALE! Che giornata incredibile per l’Inter: un colpaccio!

Inter, una giornata incredibile

Neanche il tempo di svegliarsi, preparare un caffè, fare colazione che questo venerdì 31 maggio ha subito preso una piega molto positiva. L’Inter, alle 6, ha infatti comunicato il primo colpaccio della prossima stagione: Antonio Conte sarà il nuovo tecnico dei nerazzurri. Non giriamoci intorno ed arriviamo subito al punto: abbiamo preso uno dei primi cinque allenatori del panorama internazionale. Non ci credete? Primo aiuto per la memoria: alla guida dell’Italia, durante l’Europeo del 2016, Conte con Graziano Pellé e Simone Zaza è andato a un passo dall’eliminare la Germania campione del Mondo. Se proprio le due punte non avessero calciato rigori ‘assurdi’, oggi forse racconteremmo un’altra storia. Secondo aiuto per la memoria: alla guida della Juventus, durante la sua prima stagione, Conte ha vinto uno Scudetto con gente come Miloš Krasić e Alessandro Matri. Contro aveva un ‘discreto’ Milan: quello di Zlatan Ibrahimović, tanto per intenderci.

Conte e i tifosi tafazzisti

Per chi se lo fosse dimenticato, Tafazzi è un personaggio ideato da Carlo Turati e interpretato da Giacomo Poretti, il componente del trio Aldo, Giovanni e Giacomo. Qual era la sua caratteristica principale? Il masochismo. Ecco. Tafazzi ricorda moltissimi tifosi interisti che, già nelle scorse ore, cercavano in tutti i modi di far del male alla nuova stagione: “Se arriva Conte, non seguirò più l’Inter!”. “Se arriva Conte, smetterò di guardare le partite!”. “Se arriva Conte, Suning out”. Francamente: ma fate come vi pare. A una condizione, però: quando con Conte alzeremo un trofeo – e ne alzeremo diversi, fidatevi – voi non festeggerete. Starete a casa a darvi mazzate sulle palle, come vi insegnerebbe proprio il buon Tafazzi. A Conte viene contestato il suo passato alla Juventus. Vorrei ricordare a tutti che l’ultimo trofeo – la Coppa Italia otto anni fa – è stato vinto con uno dei simboli del Milan degli ultimi 20 anni: Leonardo. Tant’è. La memoria, a volte, può giocare brutti scherzi. Conte, poi, durante una vecchia intervista, era stato chiaro. Aveva parlato di professionalità e non aveva quindi mai chiuso le porte ad altre squadre.

Antonio Conte e i ‘fegati’ che ribollono

Alcuni tifosi della Juventus hanno lanciato una raccolta firme per rimuovere la stella di Conte dallo Juventus Stadium. Nel corso dei miei 25 anni di tifo, ho imparato una cosa: Quando i signori a strisce bianco e nere palesano così la loro ossessione nei nostri confronti, noi siamo sulla strada giusta. Secondo aiuto di memoria: Come hanno reagito all’arrivo di Giuseppe Marotta come nuovo amministratore delegato? Ecco. L’Inter, a oggi, è l’unica società che pare avere le idee chiare per la prossima stagione. Ha preso Antonio Conte, ha (quasi) preso Diego Godin. La Juventus è più avanti tecnicamente ma non ha ancora un allenatore. Il Napoli ha invece un allenatore ma non sa ancora come e quanto investierà il suo presidente. Il Milan dovrà fare i conti con l’Uefa, mentre la Roma non ha né un tecnico, né sa quale rosa verrà allestita. Quindi: l’inizio per l’Inter è dei migliori. Ora bisognerà continuare su questa strada.

 

 

UFFICIALE – Antonio Conte è il nuovo allenatore dell’Inter

Conte Inter, dopo l’annuncio spazio al mercato: gli obiettivi