Inter, Conte e Capello lo scontro ha un retroscena velenoso

Inter Conte aveva capito bene

Inter Conte – Chi ha visto il dialogo tra Conte e Capello andato in scena domenica sera su Sky nel post partita di Napoli Inter non può non aver colto il fastidio con cui il tecnico nerazzurro si confrontava con il suo vecchio allenatore. L’Inter gioca in contropiede o no? Su questo verteva la discussione, con momenti ad alta tensione. Fabio Caressa ha provato inutilmente ad ammorbidire i toni, Conte aveva capito bene le dichiarazioni di Capello ed ha risposto per le rime. I due non si amano, è chiaro.

Inter Conte e Capello,l’astio viene da lontano

Ma da dove nasce questo astio? Andando a scartabellare tra i ricordi del passato, si arriva al 2014. Conte allenava la Juventus, un pareggio a Verona aveva suscitato le sue ire verso la squadra che si avviava a vincere il terzo scudetto consecutivo. Capello allenava la Russia ed era intervenuto a difesa dei giocatori. Non lo avesse mai fatto.La replica del tecnico salentino era stata un’esplosione vera a propria, riportata così dalla Gazzetta dello Sport del 16 febbraio: “Io ascolto tutti i commenti e li rispetto tutti, anche di quelli che dicono fesserie. ..Se mi riferisco a Capello? Mi riferisco a tutti quelli che fanno i maestri senza conoscere i fatti in casa d’altri. C’è più puzza in casa d’altri .”

Conte ricorda gli scudetti revocati

“Il prossimo anno chiederò al presidente di iscriverci al campionato inglese. A qualcuno dà fastidio che questa Juventus faccia meglio come numeri rispetto a quei due anni. Dei suoi anni (di Capello) ricordo non tanto il gioco, quella era la Juve di Lippi, ma i due scudetti revocati”.
Quando parla un guru del calcio dobbiamo stare zitti, inchinarci e fare riverenze. Ora giochiamo senza di lui e a quanto pare giochiamo un torneo amatoriale. Altri grandi ex bianconeri, come Lippi e Trapattoni sono sempre educati e rispettosi del lavoro degli altri. Capello guardi a casa sua e pensi a fare un buon lavoro per i Mondiali”.

Mercato Juventus, Valverde infuriato: il futuro di Vidal

Mercato Juventus, addio a gennaio? Tre squadre sul difensore