Antonio Conte lancia frecciate in conferenza: “Qualcuno ne sa più di me”

Il tecnico dell’Inter, Antonio Conte, è intervenuto in conferenza, difendendo dagli “attacchi” della stampa la squadra. Nella mattinata odierna è uscita la notizia di un possibile problema per Matias Vecino, l’allenatore nerazzurro ha risposto  prontamente alla domanda riguardante gli assenti: “Al di là degli squalificati, per Vecino non c’è nulla di particolare e non lo escluderei a priori come dice qualcuno che forse ne sa più di me…”

Si affrontano il miglior attacco e la miglior difesa, ma di solito vince chi subisce meno. Sarà così anche quest’anno?
“Sbaglio o potremmo essere il secondo miglior attaccato del campionato? Attenzione perché a parlare davanti alla tv è troppo facile. Per vincere devi fare gol, deve esserci una fase offensiva importante. L’equilibrio diventa poi fondamentale. Non ha senso fare tanti gol e subirne altrettanti. Mai visto vincere scudetti con un attacco da mezza classifica”

Antonio Conte e la sua concezione di gruppo

C’è un giocatore al quale i compagni riconoscono il ruolo di leader? Al Milan, ad esempio, è arrivato Ibra.
“Ibra lo volevo al Chelsea, ma allora non se la sentì. Ho grande stima per lui e al Milan può dare tanto. E’ importante che in squadra ci siano giocatori in gradi di trasferire i valori al resto del gruppo, a portare in campo il credo del tecnico. Così il lavoro può essere accelerato. Da noi c’è un gruppo che sta crescendo in tutto, si stanno capendo alcune cose. Quanto conta, ad esempio, essere forti anche fuori dal campo”.

Cagliari Milan probabili formazioni: Pioli cambia modulo

Mercato Juventus, due calciatori nel mirino del Barcellona