Inter Barella, il “vizietto” pericoloso da togliere alla svelta

Inter Barella – Con quello rimediato a Udine sono 7 i cartellini gialli rimediati dal folletto sardo in questa stagione su 17 presenze. Una media di un’ammonizione ogni 2,4 partite, che non è proprio un dato trascurabile. Una squalifica per somma di ammonizioni già scontata nella gara del mese scorso contro l’Atalanta, da allora altri due gialli già nel carniere. Ammonizioni che nascono, quasi sempre, da interventi legati alla foga di recuperare palla in zone del campo non propriamente “ad alta pericolosità”.
Intendiamoci, l’apporto fondamentale di Barella nel centrocampo nerazzurro è funzione della sua capacità di corsa, di essere stabilmente presente nel vivo dell’azione, della volontà/capacità di recuperare palloni preziosi. Il tutto fatto ad altissime frequenze di intensità che portano, inevitabilmente, a qualche eccesso.

Inter Barella abbonato ai “gialli”

Un “vizio” che Barella si porta dietro da sempre, se si osservano i dati delle passate stagioni. Nel campionato 2018-19 il centrocampista ha saltato 1 partita per somma di ammonizioni e 2 per doppia ammonizione.
Nella stagione precedente altri 3 stop, 2 per somma di cartellini gialli ed 1 per doppia ammonizione, così come nel torneo 2076-2017. Nel 2017-2018 per lui addirittura la palma di “mister giallo”, top in Italia con 14 cartellini rimediati su 33 presenze. Barella dunque è “abbonato” alle sanzioni arbitrali. Niente di eccezionalmente grave, anche l’età e l’esperienza hanno un ruolo fondamentale in questo particolare. In una intervista di qualche tempo fa lui stesso parlava di questo problema. “Forse prendo troppe ammonizioni, ho l’etichetta del cattivo e non me la sento. Alle volte sono portato a fare giocate e dei falli che potrei evitare“.
Ora che veste una maglia decisamente più “ pesante” di quella rossoblu cagliaritana è però opportuno che il ragazzo faccia un focus su questo elemento. Un passo avanti importante per aiutare la squadra anche su questo versante, senza necessariamente dover mutare atteggiamento, senza limitare la sua formidabile esuberanza in campo.

Mercato Juventus, una cessione illustre per finanziare il top player

Juventus, un ritorno importante per la volata finale