Inter, contro l’Udinese doppia bocciatura tra le fila nerazzurre

Inter – Ieri sera la squadra nerazzurra guidata da Antonio Conte è riuscita a tornare alla vittoria (non senza fatica) contro l’Udinese.Nel primo tempo Lukaku e company hanno saputo soffrire, non senza concedersi qualche rischio, e creando davvero poco. Nel secondo tempo a cambiare le sorti della gara è stato il doppio cambio ideato da Conte. Brozovic e Sanchez hanno dato un altro volto alla squadra, che ha saputo portare a casa un importante 2 a 0.

Se Lukaku è stato devastante altri non hanno riposto all’appello in maniera positiva. A fare compagnia al belga tra i promossi ci sono Barella, De Vrij e il nuovo arrivato Ashley Young. Poi, come detto, Brozovic e Sanchez, che hanno permesso all’Inter di ingranare una marcia diversa e di sbloccare il match che si stava facendo complicato. Buona prova per anche per Moses, anche se un gradino sotto Young. Prove sufficienti anche per Padelli, Skriniar e bastoni (che si è fatto ammonire e salterà il derby).

Inter, due bocciature importanti nel match di ieri

A non guadagnare la sufficienza sono stati Eriksen ed Esposito. Il danese è appena arrivato e deve ancora entrare nei nuovi meccanismi. L’emergenza che Conte sta affrontando a centrocampo lo ha costretto a debuttare dal primo minuto, altrimenti si presume che sarebbe stato inserito in maniera più graduale. Conte dovrà poi trovare una corretta posizione per il colpo più importante di gennaio. Con il trequartista infatti la squadra non sembrava brillante. meglio con il ritorno al 3-5-2.

Per quanto riguarda invece il giovane attaccante sembra che i tempi per considerarlo al centro del progetto siano ancora acerbi. Ieri ha sbagliato molto, compreso un gol. La freddezza arriverà con l’esperienza, così come la malizia che al momento sembra mancare.

 

JUVENTUS PARATICI

Juventus, dopo Kulusevski chiuso il secondo acquisto per l’estate

Eriksen Inter, il danese non brilla: Sconcerti non risparmia le critiche