Juventus, ennesima accusa per Sarri: non è juventino

Sarri - Juventus

JUVENTUS – Non è affatto un momento semplice per Maurizio Sarri. Dopo la sconfitta nel match di andata di Champions League, contro il Lione, si sono intensificate le critiche per il tecnico toscano.

L’ex Napoli non ha inculcato i concetti sul gioco organizzato alla rosa a disposizione e sta avendo molte difficoltà anche nei match che sulla carta dovrebbe essere più agevoli. Inoltre, le dichiarazioni in conferenza stampa hanno innervosito l’intero ambiente bianconero che non gli ha neanche perdonato la sconfitta in Supercoppa.

Juventus: l’accusa a Sarri

Il giornalista Italo Cucchi, tramite il Corriere dello Sport, ha accusato il tecnico toscano di essere addirittura anti-juventino dentro. Sono stati invece confermati elogi e complimenti per il predecessore Max Allegri. Le parole:

Max Allegri ha rappresentato in anni vittoriosi il vero spirito juventino, quello del popolo che finge di essere triccheballacche e putipù e invece vuole solo vincere. Mentre Sarri, prima con il suo ‘Se devo perdere perdo a Napoli’ e l’altrettanto sciagurato riferimento ai ‘rigori italiani’ ha rivelato – voce dal sen fuggita – d’essere antijuventino ‘dentro’”.

Maurizio Pistocchi non le manda a dire: “Regole non uguali per tutti”

Rinvio Juventus Inter, si torna a parlare di “antichi sospetti”