Juventus Football ClubSerie A

Juventus Inter, fissata la data: attesa la risposta. E slitta tutta la A

JUVENTUS INTER – Il calcio italiano è alle prese con i problemi creati dal coronavirus e da una gestione sbagliata fin dall’inizio. Dalla disputa delle partite a porte chiuse (comunicato della Lega serie A di settimana scorsa) al rinvio di cinque partite, compreso il big match della 26esima giornata JuventusInter.

Il seguito? Polemiche a non finire che non si sono ancora placate. Tante dichiarazioni degli addetti ai lavori, lo scontro tra Marotta e il presidente della Lega serie A e una soluzione che, al momento, non è stata ancora trovata. Questa mattina, c’è stato l’incontro in FIGC tra il presidente della Lega calcio Dal Pino e Gravina. C’è stata la proposta per recuperare gli incontri rinviati. Ora la palla passa ai club, che nelle prossime ore daranno la loro risposta. Il campionato potrebbe slittare di una giornata, con il recupero del 26esimo turno nel prossimo weekend. Il big match JuventusInter potrebbe giocarsi lunedì 9 marzo alle 20:45.

Juventus Inter, porte chiuse o aperte? Usiamo il buon senso

Aspettando la risposta dei club sulla possibilità di portare avanti così il campionato, uno degli argomenti caldi è la possibilità di giocare a porte chiuse o aperte. Cosa accadrà, quale decisione verrà presa, porterà comunque nuove polemiche, dopo quello accaduto pochi giorni fa.

Usiamo il buon senso. L’emergenza coronavirus è reale, non si sta placando, è in aumento. I contagi aumentano, i morti aumentano, nonostante abbiano già delle patologie, ma comunque, purtroppo, ci sono. E nei prossimi giorni, con molta probabilità, la situazione non migliorerà.

E’ impensabile giocare a porte aperte. Siamo davanti ad un problema vero, davanti a tutto dobbiamo mettere la salute delle persone. Il calcio e il suo spettacolo, deve passare in secondo piano, giusto o sbagliato che sia. Chi si prende il rischio di aprire le porte degli stadi con un virus che, al momento, non si riesce a fermare?

Il calcio a porte chiuse non è bello, vero, ma ora il primo pensiero deve essere altro. Nella speranza che vengano prese le decisioni corrette, senza pensare solo ‘allo spot del nostro calcio nel mondo’.

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close