Milan, indiscrezione clamorosa: altro possibile addio!

calciomercato milan mercato

Milan, La società rossonera in queste ore versa in una situazione di caos  totale che sembra potersi incrementare  ancora di più. Era nell’aria da giorni ed è esplosa ieri la bomba mediatica per la quale Zvonimir Boban potrebbe lasciare il Milan a stagione in corso. Per l’attuale CEO milanista si tratterebbe di un licenziamento per giusta causa visti i termini usati da lui stesso nei confronti della società nell’intervista alla Gazzetta della Sport. Il croato non le ha di certo mandate a dire e ha criticato duramente l’operato di Ivan Gazidis reo di aver messo mano all’area tecnica senza prima aver consultato Maldini e lo stesso Boban.

Il manager libanese sembra infatti aver contattato, per la prossima stagione, Ralf Rangnick per insignirlo del ruolo di allenatore e direttore sportivo. Ecco che qui la visione di Gazidis sembra scontrarsi anche con quella di Paolo Maldini, che aveva definito Rangnick non adatto al progetto milanista.
Situazione al quanto paradossale questa poichè proprio l’amministratore delegato rossonero aveva descritto, pochi giorni prima e proprio alla Gazzetta, come ottimo il suo rapporto con Zvone e Paolo.

Milan, anche Pioli medita l’addio immediato

In questo clima di confusione generale non dobbiamo dimenticare che innanzitutto il Milan è, prima che un’azienda, una squadra di calcio. I rossoneri stanno limando le ultime tattiche prima di affrontate domani all’Allianz Stadium la tanto discussa semifinale di ritorno di Coppa Italia contro la Juventus. Facile comprendere però come a Milanello il clima sia tutt’altro che sereno viste le turbolente vicende extra campo. In queste ore a risentirne particolarmente sembra essere Stefano Pioli.

L’allenatore rossonero, scelto proprio da Boban e Maldini, per raddrizzare la stagione vede formarsi delle scure ombre sul suo futuro sulla panchina del Milan. La dipartita immediata di Zvone e quella, molto probabile, di Paolo a fine stagione stanno facendo pensare al mister di consegnare le sue dimissioni. Secondo alcune indiscrezione la situazione sarebbe talmente grave e insanabile che il passo indietro di Pioli sarebbe con effetto immediato, costringendo il Milan a cercare un altro allenatore, il terzo della stagione.

Tutto questo alla vigilia di una delle partite più importanti dell’anno per i rossoneri che potrebbe indirizzare in un verso o in quello opposto le sorti della squadra. La Coppa Italia infatti è porta di accesso immediato a un posto in Europa League, obiettivo minimo dichiarato dai dirigenti milanisti in estate. Il Milan arriva a questo match come peggio non potrebbe, al turbolento ribaltone societario si aggiungono le restrizioni per il pubblico e le pesanti assenze di Ibra, Theo e Castillejo. Al peggio non sembra esserci mai fine ma forse è proprio in queste situazioni che i giocatori tirano fuori il meglio, oltre tutto e tutti.

Juventus Milan, la probabile formazione rossonera: nuovo ruolo per Paquetà

De Vrij, le parole su Conte fanno riflettere: “Con lui tutti i giocatori…”