Estero

Estero, l’ex Milan rivela: ” Stavo per morire, soffro di sonnambulismo”

Pablo Armero ha rischiato di morire. L’ex esterno del Milan ha concesso una lunga intervista ai microfoni di Marca, tramite i quali ha raccontato molte esperienze della sua vita. E’ ritornato sulle accuse di violenza ed di alcolismo ma ha anche rivelato di aver rischiato la vita per essere sonnambulo.

Il colombiano è poi ritornato sul Mondiale del 2014, la competizione che lo ha fatto conoscere al calcio che conta soprattutto grazie all’intuizione del ct Pekerman.

La storia di Armero

“Sono un sonnambulo. Ho dei sogni molto reali. Una volta mi sono alzato e ho visto una persona entrare dalla finestra. Ho sentito quella persona entrare e prendere il portafoglio di Camilo Zúñiga, quindi ho iniziato a urlare. Mentre sono uscito, ho visto che la persona stava per saltare dal balcone e sono andato dietro di lui. Se non fosse stato per il fatto che dormo nudo e che era inverno, mi sarei ammazzato.

Il professor Pékerman e il suo staff tecnico avevano molto da fare. Ci ha aiutato a riunirci e a credere che fossimo tutti importanti. Se eri in una grande squadra o in una piccola, al mister non importava”.

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close