Serie A

Napoli, la denuncia su Maradona: “Tutti sapevano della cocaina, nessuno fece niente”

NAPOLI – Dopo molti anni si continua a parlare di Diego Armando Maradona. Il calciatore che ha fatto vivere un sogno ai tifosi partenopei e che è stato distrutto dalla cocaina. Una dipendenza che tutti conoscevano e che, allo stesso tempo, tutti ignoravano.

L’ex preparatore del Pibe De Oro, Fernando Signorini, ha rilasciato un’intervista al Mattino confermando di aver fatto di tutto per poterlo salvare. Nessuno, però, lo ha voluto aiutare.

Napoli: le rivelazioni su Maradona

Signorini non ha usato mezzi termini per accusare anche i dirigenti di quel tempo che sapevano ma non agivano perché accecati dagli interessi economici. Le parole

“La sua malattia, la cocaina, era il segreto di Pulcinella: tutti sapevano, nessuno interveniva. Ne parlai con tutti, non solo Ottavio Bianchi: Ferlaino, Moggi e il dottor Russo. Mi faceva strano il fatto che nessuno si adoperasse concretamente. Mi informai personalmente presso una clinica per tossicodipendenti vicino a Napoli, anche se se ne sarebbero dovuti occupare i dirigenti. Nulla: aveva paura, o magari speravano di spremere il limone fino all’ultima goccia di succo. Se ci fosse stato ancora Italo Allodi (dirigente del Napoli fino al 1987), Diego non sarebbe finito così male”

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close