Serie A

Coronavirus, Gasperini rivela: “Ho creduto di morire, avevo la febbre a 40”

CORONAVIRUS – Anche Gian Piero Gasperini ha confermato di essere stato positivo al Covid-19 dopo aver effettuato il test sierologico. Lo ha confermato durante un’intervista alla Gazzetta dello Sport.

Il tecnico dell’Atalanta ha rivelato di essere stato colpito dai primi sintomi quando la squadra stava preparando la sfida contro il Valencia, tenutasi il 10 marzo.

Coronavirus: il racconto di Gasperini

“Le due notti successive a Zingonia (centro sportivo dell’Atalanta) ho dormito poco. Non avevo la febbre, ma mi sentivo a pezzi come se l’avessi avuta a 40 – confessa Gasperini -. Ogni due minuti passava un’ambulanza. Lì vicino c’è un ospedale. Sembrava di essere in guerra. Di notte pensavo: se vado lì dentro, cosa mi succede?

Non posso andarmene ora, ho tante cosa da fare. Lo dicevo scherzando, per esorcizzare. Ma lo pensavo davvero. Sono rimasto tre settimane a Zingonia. Poi a Torino ho sempre rispettato il distanziamento da moglie e figli. Senza febbre non ho mai fatto il tampone. Dieci giorni fa i test sierologici hanno confermato che ho avuto il Covid-19. Ho gli anticorpi, che non vuol dire che ora sono immune”:

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close