Serie A

Coroanvirus, l’annuncio di Zampa sulla riapertura degli stadi

COROANVIRUS – La Sottosegretaria al Ministero della Salute, On. Sandra Zampa, intervenuta a Radio Kiss Kiss Napoli ha parlato del calcio che sta per riprendere e di un’ipotetica riapertura degli stadi già a partire da luglio.

Dipenderà molto dalla curva epidemiologica ma sicuramente non si avrà più il tifo al quale siamo stati abituati per anni. Ritornare sugli spalti sarà possibile ma bisognerà considerare regole molto rigorose.

Coronavirus: le regole per riempire gli stadi

“La riapertura parziale degli stadi a luglio? Credo che, studiando modi e forme, ci sia questa possibilità. Una possibilità che dipenderà dal fatto che le persone dovranno entrare ovviamente una lontana dall’altra e che ci sia un accesso con controllo della temperatura. Dico una cosa: a giugno, come è noto, si riaprono teatri e cinema all’aperto mantenendo il distanziamento fisico. Bisogna che i tifosi sullo stadio assumano un impegno e che i club assumano un impegno serio nel controllo. Non possiamo assistere infatti agli abbracci in caso di goal di una squadra. Abbracciarsi vuol dire mettere a rischio la salute” ha proseguito.

Le persone devono stare nelle distanze che devono essere indicate da segnali come si farà nei teatri o nei cinema: esempio, un posto occupato, poi un metro e mezzo o due liberi, poi di nuovo occupato. A quel punto, entrando un po’ alla volta con misurazione della temperatura ed indossando la mascherina, si può accedere allo stadio. Una volta arrivato al posto sugli spalti, se all’aperto, si può tirare la mascherina giù. Si può anche urlare in caso di goal, abbracciarsi ovviamente non sarà consentito

Ascolta "Football Talk (The Podcast)" su Spreaker.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close