Superlega, quanto rischiano Juventus, Barcellona e Real Madrid: il punto

SUPERLEGA – Sono rimasti in tre: Juventus, Real Madrid e Barcellona. Ormai è scontro con l’Uefa. Si andrà per via giudiziaria e vedremo che cosa accadrà.

Nè l’Uefa, nè Ceferin potranno decidere, passerà tutto dagli organi competenti. “Né io né il presidente Ceferin possiamo intervenire, a decidere saranno solo gli organi giudiziari”, così il segretario generale dell’Uefa a Marca.

Superlega, le dichiarazioni di Theodoridis

Aspettando la decisione delle autorità competenti, il segretario generale dell’Uefa ha parlato al quotidiano spagnolo Marca. “Se non rispettano le regole, possono essere escluse. Dipende da loro, va sottolineato che tutti gli altri club hanno accettato le regole. Mi piacerebbe chiarire una cosa perché c’è stata un’errata interpretazione dei fatti. Ciò che accadrà non sarà una decisione personale e non avrà nulla a che fare con il Presidente dell’Uefa o il Comitato Esecutivo”, così Theodoridis.

“Nell’Uefa abbiamo una chiara divisione dei poteri, con l’esecutivo e la direzione da un lato e gli organi giudiziari da un altro. Né io né il presidente possiamo intervenire sul lavoro degli organi giudiziari. Mi permetta di dire che i tre club menzionati sono tra i migliori al mondo: perché dovrei sperare che non competano? Però chiaro, per l’Uefa tutti i club sono uguali, difendiamo valori come il rispetto, il merito sportivo e l’uguaglianza di trattamento. Se hanno infranto le regole, devono andare incontro alle conseguenze che decideranno gli organi indipendenti”, conclude il segretario.

(fonte: gazzetta.it)

Mercato Inter, Spalletti sfida i nerazzurri: obiettivo un nazionale azzurro

calciomercato inter mercato

Inter, parla Lukaku: “Forse non dovrei dirlo, ma è stata…”